Ott 14 2012

Ulteriore aumento dell’imposta sulle polizze estere

Nel decreto stabilità il Governo ha elevato l’imposta di bollo sulle polizze vita estere dallo 0,35% del 2012 allo 0,50% per il 2013.

Se le polizze vita estere sono state sottoscritte tramite un intermediario residente in Italia sarà quest’ultimo a svolgere il ruolo di sostituto d’imposta. Comunque è consigliabile rivolgervi alla compagnia e/o all’intermediario per sapere se questa incombenza sarà svolta da loro.

Per chi ha stipulato direttamente con la compagnia estera o perché gli intermediari che non effettuano il ruolo di sostituti di imposta devono versare l’imposta dello 0,35% entro il prossimo 16 novembre. L’imposta si calcola sulle riserve matematiche della polizza.

Dal 2013 l’imposta passerà allo 0,50%

Da notare che in Italia ci sono ancora politici che vogliono introdurre la patrimoniale. Questi politici non si rendono conto che l’Imu, l’imposta di bollo sulle attività finanziarie e sulle attività detenute all’estero sono delle patrimoniali.

Per terminare sembra che nel decreto stabilità ci sia una norma che tassi le polizze vita anche in caso di morte, ci sarà anche l’introduzione alla tassazione delle rendite delle polizze vita. Speriamo che quest’ultime notizie non si rilevino esatte.

 

  • By max, 15 Ottobre 2012 @ 11:06

    Prima ti dicono di stipulare le polizze per garantirti un futuro sereno, in quanto le pensioni tenderannoa diminuire per effetto del sistema contributivo, poi ti tassano. Complimenti, il cittadino suddito deve solo subire per mantenere il “baraccone”. Questa manovra è degna del Re Sole (lo Stato sono io), bravo Monti

Other Links to this Post

WordPress Themes

Giovanni Malfettone is Spam proof, with hiddy