Gen 30 2010

Tassazione prodotti

 

Questa è una pagina riepilogativa sulla tassazione dei vari prodotti finanziari in vigore dal 1 gennaio 2012. (Ultimo aggiornamento novembre 2015).

Tassazione assicurazioni
Tassazione gestioni patrimoniali
Tassazione fondi e Sicav
Aggiornamento
Aggionamento 2015
Gli stati della white list
Tassazione Organismi internazionali al 12.50%
Imposta di bollo

 

 

Questo è il riepilogo delle aliquote applicabili ai vari prodotti.

 

gli interessi e altri proventi derivanti da mutui, depositi e conti
correnti
26%
gli interessi e altri proventi delle obbligazioni e titoli similari, degli
altri titoli diversi dalle azioni e titoli similari, nonché dei certificati di
massa
26%
le rendite perpetue e le prestazioni annue perpetue di cui agli articoli
1861 e 1869 del codice civile
26%
i compensi per prestazioni di fideiussione o di altra garanzia26%
gli utili derivanti dalla partecipazione al capitale o al patrimonio di
società ed enti soggetti all’imposta sul reddito delle società, salvo il
disposto della lettera d) del comma 2 dell’articolo 53 del TUIR
26%
gli utili derivanti da associazioni in partecipazione e dai contratti
indicati nel primo comma dell’articolo 2554 del codice civile, salvo il
disposto della lettera c) del comma 2 dell’articolo 53 del TUIR
26%
i proventi derivanti dalla gestione, nell’interesse collettivo di pluralità
di soggetti, di masse patrimoniali costituite con somme di denaro e
beni affidati da terzi o provenienti dai relativi investimenti
26%
i proventi derivanti da riporti e pronti contro termine su titoli e valute26%
i proventi derivanti dal mutuo di titoli garantito26%
i redditi compresi nei capitali corrisposti in dipendenza di contratti di
assicurazione sulla vita e di capitalizzazione
26%
i redditi derivanti dai rendimenti delle prestazioni pensionistiche di cui
alla lettera h-bis) del comma 1 dell’articolo 50 del TUIR erogate in
forma periodica e delle rendite vitalizie aventi funzione previdenziale
26%
i redditi imputati al beneficiario di trust ai sensi dell’articolo 73,
comma 2, del TUIR, anche se non residenti
26%
gli interessi e gli altri proventi derivanti da altri rapporti aventi per
oggetto l’impiego del capitale, esclusi i rapporti attraverso cui possono
essere realizzati differenziali positivi e negativi in dipendenza di un
evento incerto
26%
obbligazioni e altri titoli di cui all’articolo 31 del decreto del Presidente della
Repubblica 29 settembre 1973, n. 601 ed equiparati (di cui al successivo
paragrafo “Titoli pubblici italiani ed equiparati”);
12,50%
obbligazioni emesse dagli Stati inclusi nella lista di cui al decreto emanato ai
sensi dell’articolo 168-bis, comma 1, del TUIR (di cui al successivo
paragrafo “Titoli obbligazionari emessi da Stati white listed”)
12,50%
titoli di risparmio per l’economia meridionale di cui all’articolo 8, comma 4,
del decreto legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito, con modificazioni, dalla
legge 12 luglio 2011, n. 106 (di cui al successivo paragrafo “Titoli di
risparmio per l’economia meridionale”)
5%
piani di risparmio a lungo termine appositamente istituiti (di cui al successivo
paragrafo “Piani di risparmio a lungo termine”)
?
interessi infragruppo corrisposti ad imprese europee consociate5%
utili percepiti da società e fondi pensione europei1,375%
risultato della gestione delle forme di previdenza complementare11%

 

Ricordo che su tutti i prodotti finanziari si applica dal 1 gennaio 2012 un’imposta di bollo dello 0,1% con un minimo di 34 euro ed un massimo di 1200 euro. Dal 1 gennaio 2013 l’imposta di bollo sarà dello 0,15% con un minimo di 34 euro e senza tetto massimo.

Da gennaio 2015 0,2% senza minimi e per i soli conti correnti franchigia sino a 5000 Euro di giacenza sul conto.

Al momento non è stata ancora emanata una circolare dell’Agenzia dell’Entrate in materia di imposta di bollo sui prodotti finanziari.

Le norme in vigore prima del 1 gennaio 2012 sono visionabili su questa pagina. Alcune norme pubblicate sono ancora valide per le detrazioni Irpef e per le successioni e donazioni.

 

note

 

Agenzia dell’Entrate circolare 11e del 28/3/12

Agenzia dell’Entrate circolare 33e del 15 luglio 2011

Questa pagina non essendo aggiornata con tempestività controllare sempre se i dati sono validi.

WordPress Themes

Giovanni Malfettone is Spam proof, with hiddy