Dic 22 2011

Una buona notizia per le polizze dormienti

 

Il Sottosegretario Gianfranco Polillo ha risposto ad un’interrogazione parlamentare presentata dagli On. Froner, Nannicini del PD ed altri in merito allo sblocco di somme già stanziate a favore delle associazioni dei consumatori.

Ricordo che una quota di queste spettanze alle associazioni consumatori è destinata al rimborso degli aventi diritto delle c.d. polizze dormienti che sono state versate dalle compagnie di assicurazioni a Consap.

In un passaggio si può leggere che l’On. Nannicini ha preannunciato al Sottosegretario Polillo un’iniziativa più ampia per giungere ad una definitiva conclusione del capitolo delle polizze dormienti.

Di sotto il testo della risposta del Sottosegretario Polillo.

5-05226 Froner: Riassegnazione a iniziative in favore dei consumatori delle somme derivanti dalle sanzioni amministrative erogate dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato.Il sottosegretario Gianfranco POLILLO risponde all’interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 3).

Rolando NANNICINI (PD), replicando, si dichiara soddisfatto, pur preannunciando iniziative nei confronti del Ministero dello sviluppo economico, sottolineando inoltre come sarebbe necessario affrontare anche il tema dei depositi e delle polizze «dormienti» con un riordino complessivo della materia.

 

5-05226 Froner: Riassegnazione a iniziative in favore dei consumatori delle somme derivanti dalle sanzioni amministrative erogate dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato.

TESTO DELLA RISPOSTA

Con l’interrogazione in Commissione n. 5-05526 l’onorevole Froner ed altri pongono quesiti in ordine alla riassegnazione delle somme derivanti dalle sanzioni amministrative erogate dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato.
Al riguardo, si fa presente che l’articolo 33, comma 29, della legge 12 novembre 2011, n. 183, recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2012), stabilisce che le somme versate entro il 31 ottobre 2011 all’entrata del bilancio dello Stato ai sensi, tra l’altro, dell’articolo 148, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, che, alla data di entrata in vigore della disposizione medesima, non sono state riassegnate alle pertinenti unità previsionali, sono acquisite definitivamente al bilancio dello Stato per l’importo di euro 70.714.000,00.
Tale disposizione ha, quindi, determinato la non riassegnabilità di una quota rilevante delle risorse affluite in entrata e destinate ad iniziative a vantaggio dei consumatori.
Con riferimento alle risorse riassegnabili, si precisa che le risorse versate all’entrata del bilancio dello Stato sul capitolo 3592, articolo 14, relativo a «Somme derivanti da sanzioni amministrative irrogate dall’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato da destinare ad iniziative a vantaggio dei consumatori» affluite al 30 novembre 2011 ammontano complessivamente a euro 134.535.547,9 di cui euro 29.204.965,19 affluite nel periodo settembre-dicembre 2010. Dall’importo complessivo devono essere sottratte le risorse per le quali non si dà corso alla riassegnazione pari a euro 70.714.000,00. Di conseguenza allo stato risultano riassegnabili euro 63.821.547,92.
Pertanto, sulla base di apposita richiesta da parte del Ministero dello sviluppo economico si potrà procedere alla ripartizione delle citate risorse.
Si fa presente, inoltre, che il comma 2, dell’articolo 148 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, prevede che «le entrate di cui al comma 1 possono essere riassegnate anche nell’esercizio successivo con decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica ad un apposito fondo iscritto nello stato di previsione del Ministero dell’industria, del commercio e dell’artigianato per essere destinate alle iniziative di cui al medesimo comma 1». Conseguentemente, le risorse affluite nel corso del 2011 potranno essere riassegnate ai pertinenti capitoli di spesa del Ministero dello sviluppo economico anche nel corso del 2012.

  • By Luisa Pellicioli, 23 Dicembre 2011 @ 00:07

    finalmente una buona notizia! Abbiamo qualche speranza con le polizze di poste vita? Intanto ho seguito il suo consiglio ma Poste Vita non mi ha ancora mandato il modulo con la dichiarazione del versamento fatto al fondo…mah…aspetto ancora qualche giono.Intanto la ringrazio e le sono riconoscente per la costante attenzione alla questione.

  • By Giovanni Malfettone, 23 Dicembre 2011 @ 18:48

    Per la sua posizione deve attendere in qualche futura modifica della normativa attuale.

Other Links to this Post

  1. Giovanni Malfettone » Riparliamo di polizze dormienti — 30 Gennaio 2012 @ 18:07

WordPress Themes

Giovanni Malfettone is Spam proof, with hiddy