Apr 09 2018

Ivass possibili 153.000 polizze dormienti

COMUNICATO STAMPA DEL 6 APRILE 2018
IVASS RILEVA 153.000 CASI DI POSSIBILI POLIZZE VITA DORMIENTI GRAZIE A VERIFICHE CON L’ANAGRAFE TRIBUTARIA SU 6,9 MILIONI DI CODICI FISCALI
L’IVASS ha concluso in questi giorni l’incrocio tra i codici fiscali degli assicurati delle polizze vita potenzialmente dormienti e l’Anagrafe Tributaria, finalizzato a rilevare gli eventuali decessi degli assicurati e consentire alle imprese di contattare i beneficiari per pagare le somme assicurate.
L’attività ha riguardato tutte le 48 imprese italiane vita e 4 imprese estere che hanno chiesto di aderire all’iniziativa; ha interessato le polizze vita senza una scadenza contrattuale (c.d. vita intera) e quelle con scadenza contrattuale tra il 2007 ed il 2016 perle quali le imprese di assicurazione non erano in grado di dire se l’assicurato fosse deceduto o meno nel corso della durata del contratto.
Grazie alla collaborazione tra IVASS e l’Agenzia delle Entrate sono stati incrociati 6,9milioni di codici fiscali;
i decessi rilevati sono stati circa 153.000.
I dati raccolti sono stati restituiti da IVASS alle imprese in modo che possano in primo luogo verificare le polizze effettivamente dormienti. Il decesso dell’assicurato potrebbe infatti essere intervenuto al di fuori del periodo di copertura della polizza (dopo la sua scadenza), non dando diritto al pagamento del capitale caso morte. Per le polizze effettivamente da pagare le imprese dovranno contattare prontamente i beneficiari.
Per seguire l’evoluzione del fenomeno, l’IVASS ha chiesto alle imprese di restituire entro l’11 giugno 2018 informazioni su numeri e importi delle polizze da pagare e pagate, che diano conto delle attività di liquidazione svolte.
te.
Set 27 2017

Ulteriore apertura rimborso polizze dormienti

Nuova iniziativa di rimborso per “Polizze dormienti”

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha affidato a Consap la gestione delle domande di rimborso delle somme relative alle c.d. “Polizze dormienti” affluite al fondo di cui all’art. 1, comma 343, della legge n. 266/2005.

Sono ora rimborsabili solamente le polizze che soddisfino tutti i requisiti previsti dal Sesto Avviso di rimborsabilità.

Le nuove domande di rimborso possono essere presentate solo dal 2 ottobre 2017 ed entro il 20 novembre 2017.

Nel caso di un unico richiedente ed un unica Polizza, è sufficiente utilizzare il modulo di domanda scaricabile cliccando qui.

Nel caso di più Richiedenti, avvalersi di una o più copie dell’allegato “Ulteriori Richiedenti” scaricabile cliccando qui.

Per gli Intermediari

Gli Intermediari (compagnie assicuratrici, banche, o altri soggetti che esercitano l’assicurazione sulla vita) sono tenuti al rilascio dell’attestazione di cui all’art. 1 del D.P.R. 22 giugno 2007, n. 116 conforme al modello pubblicato su questo sito e disponibile cliccando qui. L’attestazione deve essere compilata in ogni sua parte.

Richieste di informazioni

Per qualsiasi chiarimento, è possibile chiamare il numero 06.85796444 attivo da lunedì a venerdì dalle ore 9 alle 17 o scrivere alla mail polizzedormienti@consap.it (da non utilizzare per l’invio delle istanze).

Feb 18 2017

Polizze dormienti riapertura termini per rimborso dal prossimo 1 marzo

Dal 1° marzo al 30 aprile 2017 è possibile presentare alla Concessionaria servizi assicurativi (CONSAP) la richiesta di rimborso parziale delle polizze dormienti per le quali sono soddisfatte tutte le seguenti condizioni:

  1. evento (morte/vita dell’assicurato) o scadenza della polizza che hanno determinato il diritto a riscuotere il capitale assicurato, intervenuto successivamente alla data del 1° gennaio 2006;
  2. prescrizione di tale diritto intervenuta anteriormente al 1° gennaio 2011;
  3. rifiuto della prestazione assicurativa, da parte dell’Intermediario, per effetto della suddetta prescrizione e conseguente trasferimento del relativo importo al Fondo rapporti dormienti;
  4. non aver già ricevuto alcun rimborso, anche parziale, nell’ambito di uno dei precedenti quattro avvisi di presentazione delle domande per polizze dormienti.

Con i precedenti quattro avvisi pubblici sono state prese in considerazione le istanze di rimborso di polizze per le quali l’evento che ha determinato il diritto alla riscossione del capitale assicurato fosse successivo alla data del 1° gennaio 2006 e la conseguente prescrizione fosse intervenuta prima del 1° luglio 2010.

Per presentare la domanda è consultabile l’Avviso di rimborsabilità (pdf) che descrive in dettaglio come fare per riscuotere la polizze e quali documenti allegare e chiarisce anche come viene determinato il rimborso parziale (fino a un massimo del 60%) dell’importo della polizza devoluto dall’Intermediario al Fondo rapporti dormienti.

 

Contatti

Per eventuali informazioni/chiarimenti sono a disposizione degli interessati i seguenti contatti:

Consap S.p.A. – Gestione polizze dormienti, via Yser 14 – 00198 – ROMA
Numero Contact Center: 06 85 79 6444
Email certificata (utilizzabile per l’invio delle domande di rimborso) – consap@pec.consap.it ; non certificata e da utilizzare esclusivamente per chiarimenti sulla procedura di rimborso – polizzedormienti@consap.it
Fax 06 85 79 6446

 

Avviso e modulistica

Feb 09 2017

Ivass indagine preliminare su polizze dormienti

COMUNICATO STAMPA DELL’8 FEBBRAIO 2017
L’IVASS APRE UN’INDAGINE SULLE POLIZZE VITA “DORMIENTI”
L’IVASS avvia un’indagine sulle “polizze vita dormienti”, dopo un confronto preliminare con le Associazioni dei consumatori e l’industria assicurativa.
Stavolta il faro della vigilanza assicurativa viene acceso sulle polizze vita che non sono state liquidate ai beneficiari e che giacciono presso le imprese, già prescritte o in attesa della prescrizione. Può trattarsi di polizze per il caso d  morte dell’assicurato, della cui esistenza i familiari non erano a conoscenza, oppure di polizze “di risparmio” giunte a scadenza e non riscosse per vari motivi.
Oggi i diritti derivanti dalle polizze vita si prescrivono in dieci anni; oltre tale termine le somme sono devolute dalle compagnie al Fondo Rapporti Dormienti istituito presso la CONSAP.
E’ importante invece assicurare che le somme frutto del risparmio e delle scelte previdenziali dei cittadini finiscano nelle mani dei beneficiari.
Il fenomeno delle polizze vita dormienti è all’attenzione a livello internazionale.
L’indagine IVASS si propone di rilevare primi dati sulla ampiezza del fenomeno e sui processi adottati dalle imprese per accertare l’eventuale decesso degli assicurati e rintracciare i beneficiari.
Ma occorrono anche modifiche legislative.
Oggi in Italia l’unico strumento (privato) per provare a verificare se un familiare deceduto aveva stipulato una polizza vita è rappresentato dal servizio “Ricerca coperture assicurative vita” dell’ANIA.
Un primo passo da compiere sarebbe prevedere che le imprese di assicurazione abbiano accesso alla istituenda Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR) e siano tenute a consultarla almeno una volta l’anno per verificare i decessi degli assicurati e attivarsi verso i beneficiari.
In Francia una legge simile ha consentito di portare alla luce 5 miliardi di somme dormienti.
Gen 01 2017

Buon anno 2017

Auguro a tutti i lettori del Blog ed ai loro familiari un felice e prospero anno 2017.

Dic 31 2016

Azioni Poste Italiane assegnazione bonus

Si comunica che, in data 30-12-2016, sono state assegnate n. 5.734.850 Azioni ordinarie Poste Italiane S.p.A., codice ISIN IT0003796171, in favore degli assegnatari delle Azioni nell’ambito dell’Offerta Pubblica di Vendita, che hanno mantenuto senza soluzione di continuità la piena proprietà di tali Azioni per dodici mesi dalla Data di Pagamento (ossia a partire dal 27 ottobre 2015), e sempre che le stesse siano rimaste depositate presso un Collocatore ovvero presso altre istituzioni aderenti alla Monte Titoli S.p.A..

Le azioni gratuite sono messe a disposizione da parte dell’Azionista Venditore Ministero dell’Economia e delle Finanze, quanto a n. 5.483.814 Azioni ordinarie a favore del pubblico indistinto, e quanto a n. 251.036 Azioni ordinarie a favore dei Dipendenti di Poste Italiane S.p.A..

In conseguenza della messa a disposizione delle azioni gratuite da parte dell’Azionista Venditore il flottante risulta pari al 35,74% del capitale sociale di Poste Italiane S.p.A..

Il capitale sociale di Poste Italiane S.p.A. resta invariato e ammonta a complessivi Euro 1.306.110.000,00, suddiviso in n. 1.306.110.000 azioni ordinarie prive di indicazione del valore nominale.

Dic 24 2016

Buon Natale

Auguro un buon Natale a tutti i lettori di questo Blog ed ai loro familiari.

Dic 11 2016

Gestielle pagamento cedola

Il fondo Gestielle Cedola Fissa II sono stati distribuiti i proventi per ciascuna delle quote esistenti alla data del 30 novembre 2016, e che saranno posti in distribuzione per il tramite della Banca Depositaria con valuta 7 dicembre 2016.

 

DATI AL 30.11.2016   NAV

(valore quota)

Cedola in distribuzione % sul Nav % su Nav 5,00
ISIN PORTATORE   di cui provento Di cui capitale
Gestielle Cedola Fissa II Cl. A IT0004865140 5,092 0,0875 0,0 0,0875 1.72% 1.75%
Gestielle Cedola Fissa II Cl. B IT0004865165 5,332 0,0875 0,0 0,0875 1.64% 1.75%

 

Dal 1° dicembre 2016 il valore della quota del fondo è ex-cedola.

Il reinvestimento dei proventi – per i partecipanti che hanno espresso tale opzione – viene effettuato sulla base del primo valore della quota ex-cedola.

I possessori di certificati emessi – nominativi o al portatore – potranno ottenere il pagamento del provento, ovvero richiedere il reinvestimento della cedola trasmettendo apposita domanda, accompagnata dalla relativa cedola, ad Aletti Gestielle SGR, Via Tortona 35, 20144 Milano.

 

Per vostra opportuna conoscenza alleghiamo, inoltre, alla presente copia del “Comunicato ai Partecipanti ai Fondi gestiti da Aletti Gestielle SGR S.p.A.” che è stato pubblicato nella specifica sezione del sito. www.gestielle.it – Sezione Documentazione – Annunci Obbligatori.

 

 

Dic 10 2016

Avviso

A breve saranno ripresi gli aggiornamenti del Blog.

Mag 09 2016

Polizze dormienti ulteriori rimborsi per polizze prescritte sino al 1 luglio 2010

Dal 9 maggio all’1 luglio 2016 è possibile presentare alla Concessionaria servizi assicurativi pubblici (CONSAP) la richiesta di rimborso parziale delle polizze dormienti che sono andate in prescrizione prima del 1° luglio 2010.

Si può richiedere il rimborso delle polizze dormienti con queste caratteristiche:

  • l’evento (es. morte dell’assicurato) o la scadenza della polizza che determinano il diritto a riscuotere il capitale assicurato sono avvenuti dopo il 1° gennaio 2006;
  • la prescrizione di tale diritto deve essere avvenuta prima del 1° luglio 2010;
  • la compagnia di assicurazione o la banca (l’intermediario) che ha venduto la polizza non ha liquidato il capitale perché la polizza era prescritta e già trasferita al Fondo rapporti dormienti;
  • il beneficiario non ha già avuto alcun rimborso anche parziale dalle precedenti iniziative.

Per presentare la domanda è consultabile l’“Avviso di rimborsabilità” che descrive in dettaglio come fare per riscuotere la polizza e quali documenti allegare e chiarisce anche come si stabilisce il rimborso parziale (fino ad un massimo del 70%) dell’ importo della polizza devoluto dall’Intermediario al Fondo rapporti dormienti.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare (dal lunedì al venerdì 9,00 – 17,00) il numero telefonico 06-85796444 o con mail polizzedormienti@consap.it

 

Allegati

WordPress Themes

Giovanni Malfettone is Spam proof, with hiddy